soluzioni e consulenza
logistica e trasporti

Peso dei container sulle navi: le nuove norme entreranno in vigore dal 1° luglio 2016

Marzo 2016  -

Portacontainer

Per porre più forte enfasi sulla responsabilità degli speditori nell’accurata dichiarazione del peso dei cargo la International Maritime Organization (IMO) ha deciso di aggiornare la convenzione SOLAS (Safety of Life at Sea) per la tutela della sicurezza nella navigazione mercantile.

In particolare dal  1° luglio 2016 saranno in vigore a livello globale norme sulla verifica del peso lordo dei container marittimi

Queste sono le 9 cose da sapere riguardo i nuovi requisiti per essere preparati ad affrontare eventuali  cambiamenti nelle procedure di preparazione delle merci:

  1. Prima che un contenitore possa essere caricato su una nave, il suo peso deve essere verificato attraverso la pesatura. Non esiste alcuna eccezione a questo requisito.
  2. Per la pesatura è consentito utilizzare uno dei seguenti 2 metodi:
    1. pesatura del contenitore con la merce già caricata, adatta ad esempio di merci sprovviste di un proprio imballo;
    2. pesatura di ciascun collo, pallet o cassa facente parte del carico a cui deve essere assommata la tara del contenitore indicata sul portello del contenitore.
    3. Non è permesso fornire soltanto una stima del peso. Il mittente (o terza parte responsabile del carico) ha la responsabilità della verifica del peso il contenitore o del suo contenuto.
    4. In entrambi i metodi, l’apparecchiatura impiegata per la pesatura deve essere certificata e soddisfare i requisiti di calibrazione previsti dagli enti preposti. Non è necessario ripesare i colli che si trovano nelle loro confezioni originali i cui pesi sono chiaramente stampati sulle confezioni stesse.
    5. Un vettore può contare sulla verifica del peso eseguita dal caricatore e non è tenuto ad eseguire ulteriori verifiche. Al vettore non è richiesto accertarsi del peso verificato e dichiarato del mittente. Lo speditore o colui che per conto dello speditore verifica il peso deve essere chiaramente identificato nella documentazione ed è responsabile della precisione del peso.
    6. Il documento di spedizione recante il peso verificato dovrà essere inviato alla compagnia marittima in anticipo per programmare opportunamente il caricamento dei contenitori sulla nave.
    7. Se il peso non è disponibile è possibile pesare il contenitore al porto, se qui è presente l’attrezzatura per poterlo fare, e fornire quindi un peso verificato. In mancanza di questa verifica il contenitore non può essere caricato sulla nave. Il peso verificato deve essere ripotato nei documenti di spedizione. La responsabilità di ottenere il peso verificato e documentarlo è dello speditore.
    8. Qualsiasi discrepanza tra il peso lordo verificato di un contenitore prima della consegna al porto e il peso rilevato dalle strutture portuali durante il caricamento sulla nave si tradurrà nell’impossibilità di caricare tale contenitore sulla nave.
    9. Per maggiori informazioni consigliamo di consultare il seguente link:http://www.worldshipping.org/industry-issues/safety/cargo-weight

Dalla nostra redazione

Aiutiamo le aziende a risparmiare sui costi di trasporto

Facs offre consulenze professionali e auditing sulla logistica della vostra impresa